LOADING...

Detrazioni fiscali, Certificati Bianchi, Conto Termico: le riforme del Piano Clima Energia

Detrazioni per l’efficienza energetica e le ristrutturazioni rimodulate e fuse in un solo meccanismo, riorientamento del Conto Termico verso il non-residenziale e la PA, Fondo per l’efficienza energetica finalmente reso operativo e potenziato e molto altro.

Sono le misure che la proposta di Piano Energia Clima inviata dal Governo alla Commissione europea traccia per raggiungere l’obiettivo sull’efficienza energetica che il nostro Paese vuole porsi per il 2030.

L’Italia per l’efficienza energetica punta a riduzione dei consumi al 2030 del 43% dell’energia primaria e al 39,7% dell’energia finale rispetto allo scenario di riferimento PRIMES 2007. Le stesse misure dovranno spingere anche la parte termica dell’obiettivo rinnovabili: si prevede un contributo di 14,7 Mtep nel settore del riscaldamento e raffrescamento, legati principalmente, si spiega, all’incremento dell’energia rinnovabile fornita da pompe di calore. Lo sviluppo del settore delle Fer termiche, si osserva, è infatti “condizionato dal problema ambientale connesso agli impatti emissivi degli impianti di riscaldamento esistenti a biomasse solide.”

Il Conto Termico invece verrà sempre più riorientato verso il non residenziale, sia pubblico che privato. Si intende poi proseguire l’impegno per la semplificazione dell’accesso al meccanismo da parte della Pubblica Amministrazione, ai Certificati Bianchi, si spiega nel documento, è affidato “un compito rilevante nella generazione dei nuovi risparmi di energia da conseguire al 2030”.

Il documento consultabile qui: