LOADING...

Category "Decreti e Normative"

12Apr

Biogas: il GSE chiarisce la questione “proprietà”

by admin_mtmenergia

Il Consorzio Italiano BIOGAS informa i suoi associati che ieri, 11 aprile, Il GSE ha pubblicato oggi le “Modalità di accesso e requisiti” per i nuovi incentivi al biogas fino a 300 kWe.
In primis è stata chiarita la questione della proprietà, a cui vengono equiparate le altre forme di disponibilità e/o possesso, previste dal Codice Civile, quali, ad esempio, l’affitto, il comodato d’uso, l’usufrutto.

 

8Apr

Un riassunto dei target nazionali degli obiettivi per le rinnovabili

by admin_mtmenergia

Gli obiettivi dell’Italia sono già noti : sulle Fer ci si vuole fermare al 30% dei consumi finali, un traguardo secondo molti troppo modesto ma che “è solo una trasposizione matematica sulla realtà italiana del target europeo del 32%”, ha spiegato il sottosegretario MiSE con delega all’Energia Davide Crippa alla presentazione del Piano nazionale energia e clima, aggiungendo che “i target sono rivedibili al rialzo ma non al ribasso”.

Sulle rinnovabili il target più alto è quello della Svezia, che al 2030 arriverà al 65% dei consumi finali e all’85% della domanda elettrica.
Lo Stato membro meno ambizioso è invece Malta, 10-13% del totale dell’energia consumata.

QUI gli approfondimenti sulle altri nazioni.

Fonte (Qualenergia.it)

 

21Mar

Verso un nuovo sistema energetico

by admin_mtmenergia
Per una migliore sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Nuovi obiettivi per decarbonizzazione, efficienza energetica, sicurezza, mercato interno, ricerca, innovazione e competitività.
Il Ministro Luigi Di Maio ha presentato, inseme al Ministro dell’Ambiente Sergio Costa e al sottosegretario Davide Crippa, il Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima 2030 ed è stato messo online il portale energiaclima2030.mise.gov.it per la consultazione pubblica.

Restano però ancora i dubbi sul Fer 1, 180 miliardi di investimenti, ma il decreto è fermo in attesa di chiarimenti che il Governo deve fornire alla Commissione europea.

 

 

14Mar

I prezzi tornano a scendere grazie anche alle energie rinnovabili

by admin_mtmenergia

A febbraio il PUN, prezzo unico nazionale dell’elettricità, pari a 57,67 €/MWh ha toccato minimi da luglio, rafforzando il trend al ribasso dell’ultimo trimestre 2018, interrotto a gennaio, e allineandosi al livello di un anno fa.
Il GME evidenzia che il calo delle quotazioni è dovuto all’accresciuta disponibilità delle rinnovabili, che vedono prezzi più bassi , e al deciso incremento dell’energia importata.

Il calo mensile del PUN ha così attenuato, insieme ai minori acquisti, gli effetti rialzisti dovuti dalla riduzione dell’offerta termica ed estera più competitiva.
A fronte di una flessione annua dei volumi contrattati nel MGP (23,6 TWh, -1,9%), si registra un aumento delle quantità contrattate in borsa e, con esse, della liquidità del mercato, salita ai massimi da metà 2013.
La quota delle vendite da fonti rinnovabili guadagna oltre 5 punti percentuali, salendo al 35,9% e portando alla riduzione delle fonti tradizionali, in particolare del carbone.

 

 

11Mar

Il chiarimento sulla cumulabilità degli incentivi per l’efficienza energetica

by admin_mtmenergia

A quali altri incentivi si può sommare la detrazione fiscale dell’Irpef sui lavori per migliorare l’efficienza energetica degli edifici?

La detrazione d’imposta per il risparmio energetico  non è cumulabile con altre agevolazioni fiscali previste per gli stessi interventi da altre disposizioni di legge nazionali.
Per lo stesso intervento, ad esempio una sostituzione di una caldaia, dunque non posso ottenere sia lo sgravio Irpef del 65% dell’Ecobonus che quello del 50% della detrazione per il recupero del patrimonio edilizio.

Per i lavori di risparmio energetico e contestuale riduzione del rischio sismico l’Ecobonus potrà arrivare fino all’85% e i maggiori vantaggi fiscali riguardano le spese sostenute per lavori in parti comuni di edifici condominiali.

Il testo QUI 

26Feb

Perchè installare un Microcogeneratore? Ecco i chiarimenti dell’ENEA

by admin_mtmenergia

La microcogenerazione è la produzione combinata di elettricità e di calore da un unico impianto di piccola taglia che permette, tra le altre cose, un sostanzioso risparmio energetico ed economico, grazie al minor utilizzo di combustibile e alla defiscalizzazione del metano.
Negli ultimi anni lo sviluppo tecnologico del settore ha portato alla produzione di efficienti microcogeneratori per applicazioni domestiche e condominiali, in sostituzione delle normali caldaie a gas. A medio-lungo termine, questi piccoli impianti con molta probabilità riusciranno ad imporsi sul mercato, grazie a produzioni su larga scala in grado di abbattere i costi di produzione.
MTM Energia progetta, produce e installa impianti di microcogenerazione con taglie che vanno dai 5,5 ai 20 kWe.

Qui il vademecum Enea sugli interventi ammessi all’Ecobonus (aggiornati ad aprile 2018) sulla microcogenerazione 

 

29Gen

Il chiarimento dell’Agenzia delle Entrate sulle detrazioni per la micro-cogenerazione

by admin_mtmenergia

La Legge di Bilancio 2019 ha stabilito che la detrazione del 65% per l’acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti, fino a un valore massimo della detrazione di 100mila euro. La detrazione è applicabile purché gli interventi portino a un risparmio di energia primaria (Pes) pari almeno al 20% .

Questo porta a pensa che anche per il 2019 La casa resta al centro di un nuovo anno di agevolazioni fiscali per il risparmio energetico.

Approfondimenti QUI 

14Gen

Detrazioni fiscali, Certificati Bianchi, Conto Termico: le riforme del Piano Clima Energia

by admin_mtmenergia

Detrazioni per l’efficienza energetica e le ristrutturazioni rimodulate e fuse in un solo meccanismo, riorientamento del Conto Termico verso il non-residenziale e la PA, Fondo per l’efficienza energetica finalmente reso operativo e potenziato e molto altro.

Sono le misure che la proposta di Piano Energia Clima inviata dal Governo alla Commissione europea traccia per raggiungere l’obiettivo sull’efficienza energetica che il nostro Paese vuole porsi per il 2030.

L’Italia per l’efficienza energetica punta a riduzione dei consumi al 2030 del 43% dell’energia primaria e al 39,7% dell’energia finale rispetto allo scenario di riferimento PRIMES 2007. Le stesse misure dovranno spingere anche la parte termica dell’obiettivo rinnovabili: si prevede un contributo di 14,7 Mtep nel settore del riscaldamento e raffrescamento, legati principalmente, si spiega, all’incremento dell’energia rinnovabile fornita da pompe di calore. Lo sviluppo del settore delle Fer termiche, si osserva, è infatti “condizionato dal problema ambientale connesso agli impatti emissivi degli impianti di riscaldamento esistenti a biomasse solide.”

Il Conto Termico invece verrà sempre più riorientato verso il non residenziale, sia pubblico che privato. Si intende poi proseguire l’impegno per la semplificazione dell’accesso al meccanismo da parte della Pubblica Amministrazione, ai Certificati Bianchi, si spiega nel documento, è affidato “un compito rilevante nella generazione dei nuovi risparmi di energia da conseguire al 2030”.

Il documento consultabile qui: 

24Dic

Nuovi impianti sotto i 300 kW: Approvate le norme

by mtmenergia

E’ stato approvato al Senato il maxi emendamento alla manovra di bilancio: nella Legge viene previsto un plafond di 25 milioni di Euro per il supporto alla costruzione di nuovi impianti biogas fino a 300 KW, realizzati da aziende agricole.

Un segnale positivo che ci viene da questo Governo, che sta lavorando insieme alle associazioni per consolidare lo sviluppo del biogas e del biometano nel nostro Paese.

Ora è necessario un ulteriore lavoro perché il DM FER 2, favorisca anche un processo di efficientamento degli impianti esistenti, infrastrutture irrinunciabili per la rivoluzione agricola che stiamo vivendo nelle nostre aziende.

I commi del testo QUI